[fonte]

Maurizio Del Conte, presidente di Anpal, l’agenzia nazionale politiche attive lavoro, spiega: «L’intero sistema non regge»

di Gloria Riva
Reddito di Cittadinanza, perché sarà un flop
Il Reddito di cittadinanza, il provvedimento simbolo della campagna elettorale per le elezioni Europee del Movimento 5Stelle, è venuto alla luce. È stato partorito nella serata di giovedì 17 gennaio al Consiglio dei Ministri, mentre le risorse erano già state accantonate con l’ultima legge di Bilancio. Gli italiani sborseranno 4,68 miliardi di euro (più altri due che erano già stati stanziati per il Reddito di Inclusione del precedente governo) per sostenere l’uscita di cinque milioni di persone (1,2 milioni di famiglie) dalla povertà assoluta. Il Reddito di cittadinanza riuscirà ad «abolire la povertà», come dice il vicepremier Luigi Di Maio, o si trasformerà nell’ennesimo sussidio garantito da uno Stato assistenzialista?…