Roma: scandalo gay nei carmelitani, così è nato il dossier che turba il Papa «In convento succede di tutto»oma: scandalo gay nei carmelitani, così è nato il dossier che turba il Papa «In convento succede di tutto»


<fonte>

La telefonata al Corriere: «Vieni, a Santa Teresa accade di tutto!». Si è saputo così dell’appello al pontefice con 110 firme e delle testimonianze di due «marchettari». Un sacerdote usava droghe, un altro si è improvvisamente spretato per cause mai chiarite

di Fabrizio Peronaci

Era lo scorso 27 agosto, ferie in Istria. Mare, sole, relax. Una telefonata da Roma: «Lo sai che l’arcivescovo polacco Wesołowski, quello pedofilo, sotto processo per abusi su minori, è stato trovato morto in Vaticano in circostanze più che dubbie?» Sì, mi è arrivata notizia sul cellulare. In un lampo la fonte, cambiando tono di voce e scandendo le parole, spostò l’attenzione. «E allora corri, occupati di Santa Teresa d’Avila, stanno facendo un repulisti nella vicina Curia. Lì lo scandalo è molto più esteso. Roba da far tremare le mura della basilica di San Pietro…”. L’inchiesta sui rapporti gay mercenari tra altri prelati dell’ordine dei carmelitani scalzi, di stanza a Roma, presso la Curia generalizia di corso d’Italia 38, attigua alla chiesa di Santa Teresa, cominciò così. Una «talpa» ben informata indicava una traccia. Da quel momento, in poco più di un mese, è emerso uno scenario che rischia di lasciare una macchia indelebile sull’ordine consacrato alla mistica spagnola, che proprio quest’anno festeggia il cinquecentenario dalla nascita.

Cardinale vicario informato
Il cardinale vicario Agostino Vallini
Il cardinale vicario Agostino Vallini

Rapporti continuativi con prostituti in azione nella vicina Villa Borghese, i «marchettari» di pasoliniana memoria che si vendono a 50 euro negli anfratti del parco o nei sottopassaggi: il primo spunto è stato questo, e si trattava di molto più di una voce. La notitia criminis (in base al codice di diritto canonico) era infatti già stata riportata – e questa è stata una prima poderosa conferma della solidità della mia fonte – in una lettera segretissima inviata il 13 luglio al gotha della gerarchia ecclesiastica: non soltanto ai vertici dei carmelitani, ma anche al cardinale vicario Agostino Vallini e, per conoscenza, al segretario di Stato Paolo Parolin e a papa Bergoglio. I massimi vertici della Santa Sede, dunque, erano informati: e questo potrebbe spiegare la velocità con cui il pontefice adesso ha assunto una pubblica posizione, chiedendo «perdono per gli scandali che ci sono stati recentemente sia a Roma che in Vaticano».

Sette trasferimenti per coprire la vergogna

Quello ambientato nella Curia generalizia dei carmelitani (oggetto di un’inchiesta in 5 puntate della Cronaca di Roma del Corriere, a partire dall’8 ottobre 2015), è emerso soprattutto in seguito a una decisione controversa: il Preposito Generale dell’ordine, Saverio Cannistrà, invece che fare chiarezza su ciò che avveniva nella Curia, prima dell’estate aveva infatti disposto il trasferimento in altre sedi di 4 padri degli stessi uffici (tra cui il «reo») e di tre religiosi della parrocchia, uno dei quali, padre Alessandro Donati, molto apprezzato dai fedeli. Apriti cielo. A quel punto, nella lettera spedita anche al Santo Padre in cui si faceva presente che innocenti e colpevoli erano stati posti «sullo stesso piano», i 110 firmatari hanno rotto gli indugi, raccontando i rapporti tra «un alto esponente» dei carmelitani e alcuni prostituti della vicina Villa Borghese, per l’occasione ribattezzati «adulti vulnerabili». Non solo. L’immorale condotta, sanzionabile con l’espulsione e l’abbandono forzato dell’abito talare, è stata pure al centro di un dossier consegnato al cardinale vicario, nel quale sono allegati dettagli precisi e difficilmente confutabili: dall’utilizzo di un’uscita laterale in via Aniene per le «scappatelle» notturne alla dichiarazione di due «marchettari» sui rapporti sessuali intrattenuti con l’alto prelato perlomeno per 4-5 anni (2002-2007, stando ai verbali), fino all’abuso di alcolici e sostanze vietate come il prickly poppy (la cosiddetta droga dei gay), utilizzato (tramite fialette inalate nel naso) per eccitarsi.

L’ingresso non controllato

Ma non era finita. Lo scandalo gay dei carmelitani, si è poi scoperto con il passare delle ore (e l’aumento esponenziale sul mio cellulare di telefonate, sms ed e-mail di cittadini desiderosi di ristabilire l’ordine nella parrocchia), non si limitava agli scabrosi rapporti di un solo prelato, per quanto di alto grado. Un giovane padre molto benvoluto dai ragazzi dell’oratorio, ad esempio, qualche anno fa era improvvisamente sparito, dall’oggi al domani, dopo presunte «molestie» subite dentro le sacre mura, e oggi lavora in una famosa gelateria del centro di Roma. L’ingresso-bis di via Aniene, inoltre, non si esclude sia stato utilizzato per consentire l’accesso notturno di «ospiti» mercenari e clandestini, grazie alla complicità degli addetti alla portineria. E ancora, nella ultime ore, si rincorrono voci di offese e minacce contro i sacerdoti «perbene», incapaci di far finta di nulla, che hanno osato sfidare l’omertà.

L’appello dopo la messa

La rissa esplosa sul sagrato durante la lettura dell’appello al Papa
La rissa esplosa sul sagrato durante la lettura dell’appello al Papa

Si giunge così a domenica 11 ottobre, al termine della messa, quando gli stessi parrocchiani firmatari della lettera-denuncia (contestati da altri preoccupati del «fango» gettato sull’ordine) hanno letto sul sagrato un ulteriore appello a Francesco, che assume valore di antefatto: «Santo Padre, La preghiamo di intervenire per riportare serenità, giustizia e pulizia all’interno di questo benemerito Ordine, non senza permetterci di ricordarLe che i fatti sono stati dettagliatamente riportati in un documento consegnato da uno dei frati innocenti a Sua Eccellenza Vallini». Ecco, ce n’era abbastanza per non poter voltare altrove lo sguardo. E infatti oggi, passati tre giorni, all’udienza del mercoledì, Jorge Mario Bergoglio, con l’emozione e il tono accorato che gli sono propri, ha preso posizione con le pubbliche scuse per i «recenti scandali». Molto però ancora non è emerso. E chissà se, nelle prossime ore, alla richiesta di «perdono» papale non seguano provvedimenti concreti, nei confronti di chi per dieci anni (se non molti di più) ha saputo e taciuto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: