nell’Iowa l’università della contro-cultura


<fonte>

L’università della trascendenza, l’altra faccia dell’America

A Fairfiel, Iowa, un microcosmo ecosostenibile e un ateneo fondato negli anni ’70 da Maharishi Mahesh Yogi che propone un percorso accademico alternativo. Un paradiso della contro-cultura Usa frequentato da Oprah Winfrey, Clint Eastwood, David Lynch, Jim Carrey, Moby. Una città modello, per il presente e soprattutto per il futuro

FAIRFIELD (Iowa) – Un cielo che sembra un quadro di Magritte, con le nuvole a fumetto, si apre immenso sulle interminabili distese di grano e mais. Siamo nell’Iowa, nel cuore del Midwest, quella linea divisoria d’America tra la costa est dal respiro europeo e quella ovest progressista e alternativa. Attraversato dal Mississipi e conquistato dai francesi, l’Iowa è entrato nella cinematografia con due film da nomination: I Ponti di Madison County e L’Uomo dei sogni. E anche Jack Kerouac, nel suo celebre On the road, attraversava l’Iowa rimanendo colpito dalle ragazze di Des Moines, “le più belle al mondo”, e dal gelato cremoso.

In questo paesaggio piatto da prateria, interrotto qua e la da qualche fattoria e da silos di grano che puntano in alto come missili, nasce una contro-cultura americana, fatta di meditazione e voglia di sperimentare. Bisogna spingersi a sud, a due ore dalla capitale Des Moines, per arrivare nella cittadina di Fairfield, un microcosmo ecosostenibile balzato di recente agli onori della cronaca americana per la sua unicità, tanto da aver guadagnato un posto nelle classifiche delle piccole città da visitare e, magari, nelle quali vivere.

Fairfield inizia la sua trasformazione negli anni Settanta. Fu allora che Maharishi Mahesh Yogi, che in molti conoscono come colui il quale ha insegnato la meditazione trascendentale ai Beatles, arriva nel 1974 tra questi campi di grano con l’idea di cambiare il mondo. Qui decide di fondare quella che oggi si chiama la Maharishi University of Management, un’Università che basa il suo percorso accademico sul concetto di “consciussness” ovvero sull’espansione della propria coscienza, consapevolezza dell’essere, prima che della conoscenza. Un approccio olistico allo studio per sviluppare, su diversi livelli, le piene potenzialità degli studenti dando loro gli strumenti essenziali per crescere come individui e non solo come professionisti. Questo metodo di istruzione alternativa, che ogni anno attrae a Fairfield quasi due mila studenti da 80 paesi diversi, si traduce in una vita accademica lontana dai ritmi stressanti e dalla competizione sfrenata.

Parte integrante del curriculum è l’apprendimento e la pratica della meditazione trascendentale, l’unica, tra le tecniche di meditazione, che oggi ha avuto un riscontro scientifico sulla riduzione dello stress. Nel campus universitario, immerso in un polmone verde, gli edifici sono stati costruiti seguendo i principi dell’architettura vedica, con gli ingressi rivolti ad est e senza l’uso di materiali nocivi. Nella mensa si serve solo cibo biologico, vegetariano e a chilometri zero. Nei due edifici chiamati “dome”,  diventati lo skyline di Fairfield con le loro cupole dorate, si medita dodici ore al giorno e si pratica “flying yoga”.

Fiore all’occhiello dell’Università è la laurea in ingegneria informatica e quella in “sostenibilitá ambientale”, la prima in America che offre corsi in permacultura, biodinamica in un edificio costruito interamente con materiali riciclabili che gode di un’autosufficienza energetica al 100 per cento.

“Gli studenti che scelgono di studiare alla MUM sono attratti da un percorso universitario che punta a sviluppare l’individuo nella sua totalità”, spiega Craig Pearson, vice presidente dell’Università. “Qui si studia una materia alla volta integrando la conoscenza con una vita comunitaria votata alla piena ecosostenibilitá”.

Cosí è stato anche per Troy Van Deek, che dopo 13 anni trascorsi a combattere nell’esercito americano, si é “convertito” sulla via della meditazione trascendentale, diventando anche un imprenditore di successo a capo di un’azienda leader nell’installazione di pannelli solari. E anche Caterina Tomaselli-Roesler, italiana da 15 anni a Fairfield, ha lasciato il suo lavoro di avvocato nella Grande Mela per una vita non solo più serena ma anche di crescita e progresso.

In questi anni, accanto allo sviluppo dell’Università é seguito quello della cittadina: 10 mila anime che oggi sembrano vivere insieme in armonia. C’è anche la scuola dall’asilo al liceo, voluta dallo stesso Maharishi, dove le lezioni iniziano con la meditazione e yoga, si studiano le culture di altri popoli, agricoltura sostenibile e si lavora a progetti come “destinazione immaginazione”.

“Quando siamo arrivati qui negli anni ’70 – spiega Ed Malloy, sindaco di Fairfield e tra i primi ad arrivare da New York – c’era una comunità prevalentemente rurale e agricola. Maharishi ha portato un’onda di mille persone che hanno deciso di costruire una città sulla base di concetti come l’utopia, la voglia di cambiare il mondo, l’intelligenza creativa, la coscienza e la meditazione. Inizialmente questo ha creato diffidenza e scetticismo ma con il tempo, la gente ha condiviso valori come rispetto e tolleranza verso le altre culture”.

Oggi a Fairfield vivono gli ex hippie sessantottini che hanno lasciato le coste della California per i campi di grano, ma anche i nuovi adepti della new age che praticano yoga, mangiano solo cibo vegetariano e utilizzano medicine alternative. Una città accogliente e tranquilla, tanto da attirare vip e gente dello spettacolo che nel frattempo sono diventati testimonial della meditazione trascendentale. A cominciare da Oprah Winfrey, la celebre opinion leader americana che é arrivata nel 2012 dalla vicina Chicago con la sua troupe per girare una puntata del suo show America’s Most Unusual Town. Qui sono di casa David Lynch che ha inaugurato un master in regia, Paul McCartney e l’attore Jim Carrey. Senza contare Clint Eastwood, i Beach Boys, che a Farfield negli anni Settanta avevano anche un loro studio di registrazione, e il musicista Moby. Negli anni ’80 anche George Harrison e la moglie Olivia hanno finanziato un fondo per gli studenti meno abbienti.

A 175 anni dalla nascita, la cittadina vanta il più alto tasso di imprenditori per abitanti, un bassissimo, pressoché inesistente, tasso di criminalità e si spinge in avanti puntando su green energy, cibo biologico, medicina alternativa e benessere. L’altra faccia dell’America che nessuno si aspetta.185834095-a9c12f11-2060-47f6-8d21-f4ee659d9c57

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: