Delocalizzare la sanità, l’ultima idea dell’accordo Tisa: “Aprire le frontiere al settore”


<fonte>

Un mercato potenziale di 6 trilioni di dollari. Dopo quello sulla commercializzazione dei dati, trapela un altro documento

di VITTORIO LONGHI

Una nuova proposta del segretissimo Accordo per il commercio dei servizi (Trade in Services Agreement), TISA, prevede la delocalizzazione dei servizi sanitari su scala globale, in un mercato potenziale da 6 trilioni di dollari.

A rivelarlo è un documento trapelato attraverso la rete Associated Whistleblowing Press (AWP). Il documento consiste in una proposta discussa a un incontro della Commissione UE sulle politiche commerciali, servizi e investimenti, tenuto a Bruxelles il 6 ottobre scorso.

Su un sito dell’UE si trova traccia di quell’incontro ma niente si sa del contenuto della discussione, perché i negoziati TISA  –   53 paesi, tra cui l’Italia – avvengono sempre a porte chiuse. Le fonti confermano, in ogni caso, che la proposta ha trovato apprezzamenti tra i partecipanti
.
A dicembre Repubblica.it aveva rivelato un altro leak TISA, sulla commercializzazione dei dati, con grandi rischi per la privacy. Nel documento uscito oggi si legge che c’è “un potenziale enorme ancora non sfruttato per la globalizzazione dei servizi sanitari” soprattutto perché questi servizi “sono finanziati ed erogati dallo Stato o da enti assistenziali e non sono virtualmente di interesse per concorrenti stranieri, dato che mancano scopi commerciali”.

In sostanza si prospetta l’apertura totale delle frontiere al mercato della sanità, per facilitare la mobilità dei pazienti tra paesi diversi, una sorta di “turismo della cura”.  Gli osservatori critici dicono che questo finirebbe per alzare i costi nei paesi in via di sviluppo e abbassare la qualità dei servizi in quelli industrializzati, a beneficio delle compagnie assicurative per i premi maggiorati.

Il mercato e il diritto alla salute
Inoltre, “una simile riforma avvantaggerebbe i cittadini più ricchi e le cliniche private”, suggerisce Jane Kelsey, esperta di commercio internazionale, citata da AWP. “Gran parte delle risorse, però, verrebbe da sistemi pubblici nazionali  –  aggiunge – i cui attuali livelli di investimento, già bassi, sono presi a pretesto per favorire quest’opera di privatizzazione e delocalizzazione”.
Il sistema proposto da TISA va sempre più nella direzione degli assegni o dei voucher individuali da spendere all’estero, in una competizione tra Paesi che comprimono i costi, prevalentemente sul lavoro medico e paramedico.

“È scandaloso che simili proposte, mirate a smantellare la sanità pubblica, siano discusse in segreto e che i cittadini debbano venire a sapere dalle fughe di notizie ciò che i governi decidono in loro nome”, commenta Rosa Pavanelli, leader di Public Services International, PSI, sindacato internazionale. “La salute è un diritto umano e non è in vendita  – sottolinea -, i sistemi sanitari esistono per dare servizi alle nostre famiglie, non per consentire profitti alle multinazionali.”

Il fatto è proprio che la sanità si presenta come un business miliardario e gli interessi in gioco sono enormi. L’incidenza media di spesa per la sanità nei 53 paesi partner dell’accordo è del 12,5 per cento, per un valore di oltre 6 trilioni di dollari all’anno. Una cifra che corrisponde al 90 per cento della spesa globale per la sanità.

Secondo PSI e gli attivisti che si oppongono al TISA, infatti, dietro l’accordo ci sono alcune grandi imprese dei servizi riunite nella Coalition of Services Industries, prevalentemente statunitensi, e gruppi assicurativi collegati, come l’American Insurance Association, AIG, Prudential, Liberty Mutual e Metlife.

Nessuna trasparenza
Questo sulla sanità è il terzo documento che trapela dai negoziati sul TISA nel giro di pochi mesi. A giugno Wikileaks ha fatto uscire un importante allegato sui servizi finanziari proposto dagli Stati Uniti, che avrebbe ulteriormente deregolamentato il sistema, senza considerare i disastri provocati dalla crisi finanziaria del 2007.

A dicembre Associated Whistleblowing Press ha rivelato il piano per incrementare il commercio dei dati e delle informazioni via web, a danno della privacy e della net-neutrality, la parità di accesso alla rete.

Nei mesi scorsi, durante un dibattito sul commercio internazionale, il vice ministro per lo sviluppo economico Carlo Calenda aveva assicurato che i servizi pubblici essenziali, come quello sanitario, non erano inclusi nel TISA.
Eppure, in ambito europeo la segretezza del trattato continua a suscitare critiche e perplessità.

A gennaio scorso Viviane Reding, rapporteur al parlamento europeo su TISA, ha voluto chiarire che alcuni servizi non possono essere considerati in un simile trattato commerciale, ma ha anche dovuto riconoscere la sua mancanza di trasparenza, perché “ancora avviene senza consultazione dei parlamenti nazionali e dunque dei cittadini”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: