<fonte>

La donna, di turno al pronto soccorso, ha respinto due ventenni che chiedevano di vedere un ginecologo per la prescrizione. Nessuna violenza o minaccia, ma l’azienda ospedaliera ha aperto un’indagine

Un’infermiera del pronto soccorso dell’ospedale di Voghera, in provincia di Pavia, per due volte ha rifiutato l’ingresso a ragazze che volevano recarsi al reparto di Ginecologia per farsi prescrivere la pillola del giorno dopo, Secondo quanto scrive oggi La Provincia Pavese l’azienda ospedaliera ha già avviato una inchiesta interna sulla dipendente. “L’ho fatto per motivi di coscienza, non religiosi”, si è giustificata. I due casi, distinti, si sono verificati quando l’infermiera era di turno notturno all’accettazione del pronto soccorso.

Entrambe le volte si trattava di ragazze ventenni che si sono presentate allo sportello chiedendo di poter vedere un ginecologo per la prescrizione della pillola del giorno dopo. Si tratta del farmaco che consente di evitare una eventuale gravidanza dopo un rapporto sessuale. L’infermiera non le ha fatte passare.

“Non le ho assolutamente minacciate – ha spiegato successivamente – ma solo cercato di convincerle a rinunciare e a salvare così vite umane”. Le due ragazze probabilmente al momento non se la sono sentita di insistere ma poi sono partite le segnalazioni alla direzione sanitaria e ai vertici aziendali.