Ubs e Crédit Suisse, conto da 30 miliardi Sul mercato il patrimonio immobiliare


fonte

Le due banche svizzere pagano l’accordo fiscale con Regno Unito, Germania e Austria. C’è l’incognita delle multe in arrivo dagli Usa per aver aiutato migliaia di clienti ad aggirare il fisco e il richiamo della Banca nazionale svizzera ad aumentare i fondi propri

di FRANCO ZANTONELLI

Ubs e Crédit Suisse, conto da 30 miliardi Sul mercato il patrimonio immobiliareLUGANO – Le due grandi banche svizzere, Ubs e Crédit Suisse, pur piene di soldi dei risparmiatori di mezzo mondo, si trovano costrette a dover mettere sul mercato l’argenteria di famiglia. In buona sostanza parte del loro colossale patrimonio immobiliare. Come rivela, infatti, il quotidiano di Zurigo, Tages Anzeiger, tre incognite stanno oscurando l’orizzonte dei due istituti di credito. Innanzitutto la prospettiva di dover sborsare dai 15 ai 30 miliardi di franchi, in termini di ritenuta alla fonte, una volta definitivamente operativi gli accordi fiscali con Regno Unito, Germania e Austria. C’è poi l’interrogativo sull’ammontare delle multe, negli Stati Uniti, per le migliaia di clienti americani, aiutati ad evadere le imposte, con artifici finanziari di tutti i tipi. Una vicenda che, qualche mese fa, ha mandato al tappeto la Wegelin, la più antica banca svizzera, costretta a sparire di scena. Infine, forse l’elemento più imbarazzante, l’intimazione che la Banca nazionale svizzera ha rivolto, nel giugno scorso, sia ad Ubs ma, in termini più duri al Credit Suisse, di aumentare la dotazione di fondi propri.

“Rispetto alle norme di Basilea III – aveva rilevato Jean-Pierre Danthine il vice-presidente dell’istituto di emissione -, entrambe si situano al di sotto della media internazionale”. Il che vuol dire che, invece di avere un 4 per cento minimo di fondi propri della somma di bilancio in grado di assorbire eventuali perdite, Ubs è a quota 2,7 per cento, mentre Crédit Suisse addirittura a 1,7%. Ed è il Crédit Suisse che si è trovato più esposto alle critiche della Banca Nazionale.

“Crédit Suisse è stato messo a nudo, in una situazione imbarazzante, e adesso deve trovare, al più presto, dai 5 agli 8 miliardi di franchi” è il commento degli analisti della banca Bordier & Cie di Ginevra. “Una reprimenda della Banca Nazionale ti mette in una situazione delicata, in quanto crea scetticismo fra gli investitori”, hanno sentenziato, invece, alla Banca Cantonale di Zurigo. Non a caso, in concomitanza con l’invito a mettersi in regola con le norme di Basilea III, l’azione Crédit Suisse ha perso quasi l’11 per cento, in una mattinata. Contemporaneamente i vertici dell’istituto di credito si sono dati una mossa, cercando di capire come poter effettuare, in breve tempo, dei sostanziosi accantonamenti. Oltre ad un sostanzioso aumento di capitale, si è deciso di passare alle “grandi pulizie” del patrimonio immobiliare, per riprendere un termine utilizzato dal quotidiano Tages Anzeiger.

Un’operazione che, sempre stando al giornale, avrebbe due nomi in codice: Symphony e Opera. Fatto sta che, solo a Zurigo, Crédit Suisse ha messo sul mercato beni per circa un miliardo di franchi: 350 milioni sono stati incassati, di recente, vendendo al gruppo assicurativo francese Axa uno stabile nella centralissima Banhofstrasse. Insomma le grandi pulizie sono iniziate davvero ma, ora, a tremare, è un altro settore, quello dell’investment banking, il cui personale rischia di essere ridotto del 30 per cento. Tutto questo mentre è in corso l’ennesimo conflitto con gli Stati Uniti, che in passato è già costato carissimo a Ubs, mentre Credit Suisse deve rispondere dell’aiuto fornito a 650 clienti americani, nell’evasione delle imposte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: