La menzogna del potere


fonte

di MASSIMO GIANNINI

La menzogna del potere

Il potere mente. Per abitudine alla manipolazione e per istinto di conservazione. Non c’è bisogno di aver letto la prima Hannah Arendt, o l’ultimo Don De Lillo, per sapere che “lo Stato deve mentire”, o che il governo tecnicamente totalitario “fabbrica la verità attraverso la menzogna sistematica”. Ma nessun potente mente con la frequenza e l’impudenza di Silvio Berlusconi. Non pago di aver danneggiato il Paese che governa, in un drammatico e surreale “colloquio” elemosinato a Obama a margine di un vertice tra gli Otto Grandi del pianeta, il presidente del Consiglio torna sul luogo del delitto. E, dopo aver inopinatamente e irresponsabilmente denunciato al presidente americano la “dittatura dei giudici di sinistra”, lo “perfeziona”, raccontando la stessa delirante bugia agli altri leader del G8.

Abbiamo già detto quale enorme discredito rappresentino, in termini di immagine internazionale, le parole scagliate contro l’Italia dall’uomo che dovrebbe rappresentarla al meglio nel mondo. Abbiamo già detto quali enormi “costi” imponga allo Stato, in termini di credibilità istituzionale, questo vilipendio della democrazia e dei suoi organismi.

Ma è necessario, ancora una volta, squarciare la cortina fumogena con la quale il premier manomette i fatti, e denunciare l’ennesima menzogna sulla quale costruisce il teorema della “persecuzione giudiziaria”. A Deauville, in una conferenza stampa costruita come una disperata requisitoria contro tutto e contro tutti, Berlusconi compie l’ultima metamorfosi: da comune inquisito si trasforma in Grande Inquisitore. Accusa le “toghe rosse”, insulta “Repubblica” e i giornalisti, “colpevoli” di non indignarsi di fronte allo “scandalo delle 24 accuse che mi riguardano, tutte cadute nel nulla”. “Vergognatevi”, tuona furente il presidente del Consiglio, calato nella tragica maschera dostoevskiana dei Fratelli Karamazov. Dovrebbe vergognarsi lui, per aver violentato ancora una volta la verità.
A sentire il Cavaliere e i suoi “bravi”, i processi che lo riguardano cambiano secondo gli umori e le stagioni. L’altro ieri aveva parlato di “31 accuse”. In passato si era definito “l’uomo più perseguitato dell’Occidente, con 106 processi tutti finiti con assoluzioni”. La figlia Marina ha evocato “26 accuse cadute nel nulla”. Paolo Bonaiuti ha rilanciato con “109 processi e nessuna condanna”. In realtà, come ha ricordato più volte Giuseppe D’Avanzo su questo giornale, i processi affrontati dal premier sono 16. Quattro sono ancora in corso: processo Mills (corruzione in atti giudiziari), diritti tv Mediaset (frode fiscale), caso Mediatrade (appropriazione indebita) e scandalo Ruby (concussione e prostituzione minorile). Negli altri 12 processi, solo tre sono state le sentenze di assoluzione: in un caso con “formula piena” (Sme-Ariosto/1, per corruzione dei giudici di Roma), negli altri due con “formula dubitativa” (Fondi neri Medusa e Tangenti alla Guardia di Finanza).

Gli altri 9 processi si sono conclusi con assoluzione, ma solo grazie alle leggi ad personam, fatte approvare nel frattempo dai suoi governi. Nei processi All Iberian/2 e Sme-Ariosto/2 il Cavaliere è assolto dalla legge che ha depenalizzato il falso in bilancio. Nei processi sull’iscrizione alla P2 e sui terreni di Macherio è assolto perché i reati sono estinti e le condanne cancellate dall’apposita amnistia.

Nei rimanenti 5 processi (All Iberian/1, affare Lentini, bilanci Fininvest 1988/1992, fondi neri del consolidato Fininvest e Lodo Mondadori) il premier è assolto grazie alle “attenuanti generiche”, che gli consentono di beneficiare della prescrizione (da lui stesso fatta dimezzare con la legge Cirielli) e che operano sempre nei confronti dell’imputato ritenuto comunque “responsabile del reato”.

Questa è dunque la verità storica, sull’imputato Berlusconi. A dispetto delle “persecuzioni” che lamenta, e delle “assoluzioni” che rivendica. Bugiarde, le une e le altre. È penoso doverlo ricordare. Ma è anche doveroso, alla vigilia di un turno elettorale che può cambiare il corso di questa disastrosa legislatura. E può spazzare via, finalmente, i danni e gli inganni compiuti dal Grande Inquisitore di Arcore.
m. gianninirepubblica. it

Un Commento

  1. Ciao,
    premetto che non sono per nulla seguace dei vari Berlusconi & Comnpany, così non mi garba affatto entrare nelle fila dei simpatizzanti della sinistra & company, ma noto che spesso la pervicacia delle osservazioni fatte sono sempre le stesse:
    leggi ad personam.
    Non capisco e vorrei tanto, ma nella ignoranza intuisco che quando si parla di legge ad personam si intenda una legge fatta appositamente per “una persona” e non per le altre, suppongo, no?
    Ora, checche se ne voglia parlare, mi risulta che tali leggi, ovvero quelle che il Berluscan del momento ha fatto siano state approvate da un parlamento, tutto! Certo è vero ci saranno stati degli astenuti, degli assenti, dei contrari, ci mancherebbe altro, ma sta di fatto che il Parlamento Italiano di questa fetida repubblica, ha approvato alcune leggi che “alcuni” definiscono “ad personam”.
    Mi accorgo però che le leggi approvate dal nostro parlamento sia state comunque recepite e controfirmate dal presidente napolitano, ex-comunista, massone che durante l’invasione sovietica non mosse un dito a favore del popolo che veniva oppresso, e quindi siano leggi dello stato fetido italiano, ovvero leggi per tutti, per te e per me, nel caso volessimo essere fetidi come quello al quale ti riferisci.

    Complimenti per il sito, interessante.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: