La dottrina di Marchionne


fonte

La Fiat se ne va dall’Italia, è questo il succo dell’assemblea degli azionisti che si è svolta ieri a Torino, senza neanche pagare la luce. Anzi, si frega pure le lampadine: per chiudere in bellezza 112 anni di storia patria, la coppia Marchionne-Elkann ha comunicato che distribuirà agli azionisti per lo meno 100 (cento) milioni di dividendi nel 2011 con cui potranno festeggiare l’orizzonte a stelle e strisce. E’ il corrispettivo degli stipendi annuali di 8-9 mila tute blu in cassa integrazione. Perché stupirsi, se è vero che Marchionne guadagna come 1.037 suoi operai?
Adesso il manager più famoso del mondo ha detto che se faranno come vuole lui, comprese 120 ore di straordinario e rinunceranno a far pipì, anche gli operai italiani, almeno quelli di cui l’azienda avrà bisogno, guadagneranno un po’ di più. Del resto, le ore di straordinario di Marchionne non si contano, neanche gliele pagano. C’è qualcosa di immorale in questa storia, ma solo la Fiom pare scandalizzarsi. Dovrebbe pensarci il sindaco uscente di Torino Sergio Chiamparino, ogni volta che va a giocare a scopone con il suo amico, l’altro Sergio.
Producono poco le fabbriche italiane della Fiat, sono sottoutilizzate. Non va bene, gli operai devono saperlo e rinunciare a ogni certezza sul futuro, al massimo cassa integrazione per i più fortunati. Di integrativo neanche a parlarne, visto che non producono. Come se fosse colpa loro se gli impianti non sfornano automobili, e non di chi della Fiat è padrone e gestore. Senza incentivi pubblici e senza nuovi modelli, di cui se va bene si comincerà a parlare a fine anno a Pomigliano con la Panda e a fine del 2012 a Mirafiori per il suv Chrysler, le automobili della pregiata ditta torinese non si vendono in Italia né in Europa. Sarà per questo che Sergio Marchionne pretende dagli operai italiani e dai sindacati carta bianca su orari, salari, organizzazione del lavoro, velocità della catena di montaggio, straordinari? Sarà per questo che cancella con atti d’imperio il diritto a scioperare, ammalarsi, eleggere i propri rappresentanti, come se la dittatura in fabbrica potesse supplire alla mancanza di automobili da vendere?
Ieri a Torino si è conclusa la storia della Fiat che abbiamo conosciuto dal 1899. Ora di Fiat ce ne sono due, una che fa (o non fa) auto e un’altra che fa camion e trattori. In sostanza, la Fiat auto non c’è più, c’è la Chrysler, salvata dalle pensioni degli operai americani, che Marchionne continua a scalare. E gli stabilimenti italiani che supereranno la cura Marchionne somiglieranno sempre più alle machiladorasmessicane, fabbriche cacciavite senza libertà. Del resto, che te ne fai dell’Italia? Nel cuore degli Agnelli, non solo di Marchionne, c’è sempre stata l’America. L’ha ricordato ieri il presidente John Elkann narrando agli azionisti che il suo trisnonno senatore – quello che inaugurò Mirafiori insieme a Benito Mussolini, ma questo John non l’ha detto – già nel 1906 sbarcò a Detroit per fare affari con i fabbricanti locali di automobili. In Italia, invece, viveva con le commesse militari del governo Giolitti e costruiva autoblindo per la prima guerra di Libia.

 

ancora più bello questo commento:

La Chrysler ha un futuro nerissimo in USA. Le sue vetture hanno un indice di affidabilita’ bassissimo, il piu’ basso in USA. La FIAT entro’ nel mercato USA all’italiana per uscirne distrutta e sbeffeggiata in pochi anni. Le auto avevano una affidabilita’ inesistente e non si potevano riparare perche’ necessitavano di attrezzi proprietari che i meccanici non trovavano. I pezzi di ricambio erano inesistenti e le macchine si arrugginivano al sale delle strade invernali in una stagione. Roba da matti.
Ora il Marchionne pensa di vendere le Chrysler in Europa, soprattutto la Jeep, che costa poco e si vende a caro prezzo. Ma per quanto? I modelli hanno subilo un restyling ma non sostanziali modifiche e cosi’ si romperanno come prima. Non dimentichiamoci poi che la Chrysler e’ stata svenduta dalla Mercedes, che non riusciva a migliorare il marchio alla societa’, alla societa’ avvoltoio Cerberus. Finanziaria questa specializzata nel comprare aziende in prossimita’ della bancarotta e rivenderle dopo una mera cura estetica. Pensare che la FIAT, in USA meglio nota come Fix It Again Tony, possa farlo e’ semplice illusione.
Utilizzare poi i marchi Alfa o Ferrari e’ poi un’altra porcheria destinata a fallire perche’ non cambia la sostanza delle cose e in piu’ “brucia” i marchi.
La New Holland, marchio noto nell’agricultura, e’ quello che tiene in vita le altre societa’ FIAT, grazie a una buona immagine e alla sua capacita’ di capitalizzazione, ultimamente sfruttata dalla FIAT con emissione di miliardi in bonds. Ma questo, quantopuo’ durare?

31-03-2011 19:34 – Murmillus

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: