Pechino, protesta tra web e gelsomini Soffocate le prove di rivolta “tunisina


fonte

Ispirati dalle ribellioni in Africa e Medio Oriente, nella capitale e altre città alcuni attivisti hanno lanciato i simbolici fiori come forma di protesta. Rapido l’intervento della polizia, sul territorio e con blocco di cellulari e web. Centinaia di arresti

Pechino, protesta tra web e gelsomini Soffocate le prove di rivolta "tunisina"

PECHINO – Le rivolte in Nordafrica e Medio Oriente ispirano i giovani cinesi che provano a scendere in piazza contro il regime. E delle manifestazioni tunisine, i cinesi prendono in prestito i simboli, in questo caso il gelsomino. La tensione è arrivata fino a Wangfujing, la via dello shopping di Pechino a poca distanza da Piazza Tienanmen, con un assembramento e lancio di gelsomini. Un atto che segue un messaggio apparso sul web, che invitava alla protesta.

LA GALLERIA FOTOGRAFICA 1

A Pechino i fiori di Tunisi. La dimostrazione è iniziata con una piccola folla composta inizialmente soprattutto da curiosi, giornalisti e forze dell’ordine in borghese. Ma tra la ressa era evidentemente presente un drappello di manifestanti organizzati, che hanno approfittato del momento migliore per lanciare alcuni mazzi di gelsomini bianchi dalla scalinata di un centro commerciale, sotto i flash e le telecamere dei media. Un comportamento che ha fatto scattare l’intervento di un massiccio spiegamento delle forze di polizia.

La reazione degli agenti è stata composta, immediata e decisa: i poliziotti già presenti sul posto sono stati raggiunti da diverse dozzine di colleghi, che hanno spinto la folla verso la strada tentando di disperderla, mentre altri agenti facevano sparire velocemente i fiori gettandoli nell’immondizia. La risposta delle forze dell’ordine è stata anche mediatica: per una decina di minuti le telecomunicazioni della zona sono state completamente oscurate, rendendo inutilizzabili i telefoni cellulari.

Dopo pochi minuti la tensione è salita ancora, e in due occasioni si è sfiorato lo scontro fisico. Alcuni poliziotti hanno bruscamente fronteggiato un cameraman straniero, mentre altri hanno allontanato un ragazzo cinese che aveva raccolto i gelsomini dai cestini della spazzatura. Bloccato da due uomini in borghese, il giovane è stato rilasciato subito dopo. I manifestanti arrestati sarebbero solamente due – un uomo che ha imprecato contro la polizia e un altro che urlava “Ho fame”. La polizia era giunta alla manifestazione già preparata, dopo avere scatenato una vasta azione preventiva tanto sul campo che su internet. La parola “gelsomino” risulta bloccata in tutta la Cina sulle piattaforme di microblog, così come i richiami alle proteste in Egitto, Libia, Tunisia, Algeria e Bahrein.

Organizzati sul web. Il messaggio che incitava alla “protesta dei gelsomini” era apparso per la prima volta sul sito americano in lingua cinese Boxun.com, ed è stato successivamente diffuso sul web del Celeste Impero, provocando tra ieri e oggi più di un centinaio di arresti di dissidenti e attivisti. E’ il caso dell’avvocato dei diritti umani Jiang Tianrong, condotto via dalla sua casa di Pechino dalle forze dell’ordine, e di alcuni dei suoi colleghi come Teng Biao, Xu Zhiyong e Jiang Tianyong, che  risultano irraggiungibili. Ma nessuno dei dissidenti più noti ha esplicitamente firmato l’appello che invitava “tutti i lavoratori licenziati e le vittime di espulsioni forzate” a manifestare anche a Shanghai, Canton e in altre 10 metropoli scandendo slogan come “Vogliamo lavoro”, “Lunga vita alla democrazia” e “Vogliamo la libertà”. Al momento sembra che l’iniziativa abbia richiamato solo pochi manifestanti nelle altre città e l’esito nella capitale sembra abbastanza modesto rispetto alle aspettative degli anonimi che hanno diffuso il manifesto.

L’inflazione e il rischio Nordafrica. Pechino tuttavia teme l’ondata di manifestazioni che stanno incendiando il Medio Oriente, e il governo appare deciso a evitare il contagio a tutti i costi: ieri il presidente Hu Jintao ha convocato alla Scuola Centrale del Partito Comunista Cinese tutti i leader provinciali e ministeriali per un discorso straordinario nel quale ha invitato i funzionari governativi a “mantenere la stabilità sociale e aumentare i controlli”. Ma anche a “studiare i cambiamenti nella situazione nazionale e internazionale e migliorare i meccanismi per risolvere i conflitti sociali”.

Nonostante i brillanti risultati economici conseguiti negli ultimi anni, Pechino si trova oggi a fronteggiare un’inflazione galoppante, che sta causando continui rincari di generi alimentari, benzina e gasolio.

L’anti Obama tra i presenti. Tra gli stranieri presenti al momento della protesta c’era anche Jon Huntsman Jr., l’ambasciatore Usa uscente che molti osservatori danno come prossimo sfidante di Barack Obama alle elezioni presidenziali del 2012. Pur avendo assunto nelle ultime settimane posizioni molto critiche sulla situazione dei diritti umani in Cina, Huntsman, che ha una figlia adottiva di origine cinese, non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

(20 febbraio 2011)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: