Gli sms fra Sara Tommasi e il Premier


Nei verbali sesso, droga e camorra Poi la soubrette scrisse: "Silvio, vergogna"fonte

Al premier, Sara scrive messaggi a volte d’amore, a volte di risentimento. A Natale un messaggio di “auguri, presidente”. Qualche giorno più tardi, il 5 gennaio: “Amore, ti ho mandato un pensiero da Licia. Spero che tu capisca”. Il 10 gennaio Sara appare furibonda: “Silvio, vergognati, mi hai fatto ammalare, paga i conti dello psicologo”. Un paio d’ore più tardi dal cellulare del presidente del Consiglio arriva uno squillo sul telefonino della soubrette. Che due giorni dopo, alle 4 del mattino del 12 gennaio, gli scrive: “Amore perdonami ho visto solo ora la tua chiamata. Ultimamente ho problemi con la linea telefonica. Se posso fare qualcosa… Bacio grande”. Trascorre una manciata di minuti e Sara scrive di nuovo: “Mi sei mancato tanto. Spero tu mi possa richiamare presto. Ti amo ancora sai?”. E si firma: “Lady x”. Nel pomeriggio di quello stesso giorno, Sara scrive: “Ma perché non mi metti dietro solo il Mora invece k le lesbike??”. Risentimento che monta il 15 gennaio: “Spero k krepi kon le tue Troie”.
“Stai abusando di potere”

È il primo di un crescendo che, nelle ore successive vedrà partire verso l’utenza personale del premier ben nove sms 22.53: “Spero k il governo americano inizi a dare lustro a quello ignobile nostrano con i 10 requisiti di ammissione ad Harvard. La politica è una cosa seria”. Un minuto dopo: “Non una barzelletta come l’hai intesa tu”. Venti minuti dopo: “10 requisiti per l’ammissione tra le fila dei parlamentari… tu indagato saresti già fuori. Hai capito?”. Due minuti dopo: “Riprendi subito Ron (il riferimento è al calciatore del Milan Ronaldinho) nella tua squadra di merda o ti faccio escludere da Obama e dai grandi del mondo e dalla politica internazionale… se l’Italia è incapa”. Frase completata nell’sms successivo: “Incapace di ascoltare i segnali del Mondo”. Trascorre qualche secondo e Sara affonda: “Ci vuole una buona reputazione per governare!! Anke tu fai festini Dinho deve tornare!”. E subito dopo: “Stai abusando di potere”. Fino all’ultimo sms: “Immeritato tra l’altro (sottinteso, evidentemente, il potere) vedi processi e quant’altro… “.

“Berlusconi mi perseguita”
Il 18 gennaio Sara Tommasi parla con la madre. Si sfoga, piange.
Sara: “Mamma sono in taxi sto a Milano… sono venuta sopra per non fare un cazzo alla fine. Sono venuta per due appuntamenti ma poi alla fine non sono serviti a a un cazzo.. e basta. ora sto qua a rompermi i coglioni.. con la gente che mi droga a destra e sinistra.. guarda ua cosa.. non so più dove scappare… non so più dove scappare.. guarda (e Sara scoppia a piangere scrivono gli inquirenti) sono perseguitata… da Berlusconi e da tutti.. non so dove mettere le mani…”.
Madre: “Devi uscirne fuori da questa storia chiudi dentro e sta tranquilla. Poi con tutti i casini che ci stanno… con Berlusconi che è stato indagato…”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: