Inchiesta G8, la ‘banca privata’ di don Evaldo e i fondi neri


fonte ANSA

di Vincenzo Sinapi

ROMA – Don Evaldo Biasini, 84 anni, economo dimissionario della ”Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue di Cristo” ed amico di vecchia data della famiglia Anemone, i costruttori romani al centro delle indagini sulla ‘cricca’ degli appalti, aveva messo su un attivita’ che lo stesso sacerdote definisce, ”una specie di banca privata”. Una banca, questo lo dicono gli inquirenti, che movimentava un vorticoso giro di soldi, ”in contanti ed assegni”. Il sospetto e’ che don Evaldo fosse una sorta di custode di fondi neri di Diego Anemone: per questo e’ stato sentito piu’ volte dai magistrati di Perugia e di Firenze che indagano sui grandi appalti, ma alla figura del sacerdote potrebbe essere interessata anche la procura di Roma che di recente ha sequestrato 23 milioni di euro dello Ior perche’ ritenuti frutto di operazioni sospette. E’ risultato, infatti, che don Evaldo abbia movimentato diversi assegni nella stessa agenzia bancaria romana nella quale sono transitati in un anno 140 milioni di euro su conti riconducibili allo Ior, compresi 600 mila euro prelevati, secondo l’accusa, senza rispettare la normativa antiriciclaggio. E in un database sequestrato al sacerdote la polizia ha rinvenuto, solo di recente, una gran mole di dati ”riferiti a conti bancari, patrimoniali, postali, titoli, polizze, ecc…”: in 13 casi – accanto ad annotazioni di investimenti, conti ed azioni – ricorre la voce Ior. Tornando ai rapporti con Diego Anemone, agli atti dell’ inchiesta allegati all’avviso di conclusione indagini recapitato nei giorni scorsi ai presunti componenti della ‘cricca’ molte carte riguardano i rapporti patrimoniali tra il sacerdote e il costruttore, che il 22 settembre 2008 gli chiede soldi, ”prima di un incontro programmato – evidenziano i magistrati – con Guido Bertolaso”. Questo il testo di una intercettazione tra Anemone e il sacerdote: ”…senti Eva’ scusa se ti scoccio… solo per rotture di coglioni perche’ ieri…stamattina devo vedere una persona verso le 10 e mezza…11..tu come stai messo?”. Don Evaldo risponde di poter recuperare su due piedi solo 10 mila euro: ”…di soldi?…qui ad Albano ce n’ho 10 soltanto…giu’ a Roma potrei darteli… debbo poi portarli in Africa… mercoledi’.. vediamo un po”’. Proprio il 22 settembre 2008 don Evaldo cambiera’ allo sportello di una delle sue banche un assegno da 50 mila euro: un’operazione sospetta che lo stesso istituto bancario segnalera’ piu’ tardi alla Banca d’Italia. Ai pm di Perugia, che lo ascoltano il 29 aprile scorso, don Evaldo spiega che ”tra me e Diego Anemone c’era un deposito cauzionale, questo a seguito dei lavori che Anemone stava effettuando per noi… se Diego me lo chiedeva io gli davo i soldi per i lavori che lui faceva”. Ma il sacerdote non si limitava a custodire denaro di Anemone. I magistrati gli chiedono infatti spiegazioni su un ”sotto conto Mauro” e don Evaldo risponde che ”si trattava di un conto di tale Della Giovampaola” (Mauro Della Giovampaola, uno dei funzionari pubblici sotto inchiesta – ndr). ”Anemone mi chiese di tenere degli assegni circolari di Della Giovampaola – racconta il sacerdote ai pm – sino al termine di un affare. Della Giovampaola disse che se quell’affare fosse andato in porto, quei soldi li avrei tenuti per me per poter realizzare un ospedale in Africa. Io ho tenuto quei soldi (circa 300 mila euro in assegni intestati ad una giovane finlandese, socia di una societa’ in qualche modo interessata ai cantieri della Maddalena – ndr) perche’ Diego mi aveva detto che sarebbero serviti per una donazione”. Don Evaldo afferma di aver depositato piu’ volte sul suo conto denaro che Anemone gli chiedeva di ”conservare” e che poi il costruttore prelevava, personalmente o tramite la sua segretaria o qualcuno dei suoi autisti. E aggiunge: ”Non mi sono mai posto il problema perche’ Anemone consegnava i soldi a me invece di depositarli in banca. Io assicuravo a Diego Anemone per questi soldi degli interessi annui pari al 2%, interessi questi che Anemone non ha mai ritirato lasciandoli a me per le opere benefiche”. E nonostante questa sia un’attiva’ singolare, per un sacerdote, don Biasini spiega ai magistrati che ”Anemone non e’ l’unica persona da cui ho ricevuto soldi a titolo che io chiamo ‘a titolo di deposito cauzionale’. E’ una specie di attivita’ – ammette – che io ho personalmente inventato nel lontano 1967 quando ero amministratore di un ordine sacerdotale. A causa di gravi problemi economici in seno all’ordine, ho iniziato questa attivita’ che puo’ fungere come una specie di banca privata, dove venivano depositati dei soldi da parte di privati” (da intendersi come ”missionari, parenti dei missionari e qualche amico”), ”mentre da parte mia io garantivo su questi depositi il 5 e poi il 2%”. Il sacerdote (che ai magistrati dice di aver subito una condanna a sei anni di reclusione ”molti anni fa” per associazione per delinquere in relazione ad una ”operazione di trasferimento di quote per una societa”’) sottolinea di avere due conti correnti presso altrettante banche: ”Sono conti nominativi pero’ ci sono depositati i soldi di proprieta’ della Congregazione, provenienti sia dalle offerte che quelli depositati da privati”. In realta’ don Evaldo risulta collegato ”a molteplici rapporti bancari” presso diversi istituti, in uno solo dei quali risultano in meno di due anni uscite per oltre 7 milioni e 300 mila euro ed entrate per 6 milioni e 400 mila.

Un Commento

  1. IL BENE E IL MALE: Convertirsi, Emendarsi, Santificarsi.

    Le atrocita’ commesse dall’uomo su se stesso e sui propri simili nel corso della storia sono raccapriccianti, orribili, inenarrabili.
    Credo che la tesi di coloro che vedono nel mondo attuale il realizzarsi di un disegno del male, di un complotto demoniaco, sia fondata. http://www.mariadinazareth.it/inferno%20libro%20a%20tu%20per%20tu….htm
    La Chiesa non sta facendo abbastanza per contrastare tale espansione del male.
    Gli stati sono solo strumenti delle famiglie padrone e quindi espressione essi stessi del male.
    Io credo che chi abbia commesso atrocita’ nei confronti di altri esseri umani debba essere eliminato, in modo indolore, veloce, asettico.
    Eppure, al posto di questo mondo di servi fatti impazzire, per aver un mondo del Bene basterebbe rispettare i dieci semplici, fondamentali, onnicomprensivi Precetti:

    Non avrai altro Dio all’ infuori del Sommo Bene.
    Non nominare il nome di Dio invano.
    Ricordati di santificare le feste.
    Onora il padre e la madre.
    Non uccidere.
    Non commettere adulterio.
    Non rubare.
    Non dire falsa testimonianza.
    Non desiderare la donna d’altri.
    Non desiderare la roba d’altri.

    “…quel grande che temprando lo scettro a’ regnatori gli allor ne sfronda, ed alle genti svela di che lagrime grondi e di che sangue…” (Ugo Foscolo)

    Prof. Filippo Matteucci – Artaris Labs

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: